Era una reginetta di bellezza molti anni fa e a 64 anni non è invecchiata: è un vero miracolo

Maribel Guardia, un nome sinonimo di bellezza e grazia senza tempo, continua a sfidare le sabbie del tempo all’età di 64 anni.

In un’epoca in cui la ricerca incessante della giovinezza è un luogo comune, il fascino duraturo e il fisico straordinario di Maribel

servono come testimonianza della sua eccezionale geni, dedizione incrollabile al fitness e uno spirito indomabile.

L’illustre carriera di Maribel Guardia affonda le sue radici nei suoi giorni da reginetta di bellezza, quando è stata incoronata Miss Costa Rica nel 1978.

Questo talento messicano nato in Costa Rica si è evoluto in un’artista poliedrica, eccellendo come attrice, modella, cantante, ballerina e conduttrice televisiva.

Il suo viaggio è iniziato con la sua partecipazione al concorso Miss Universo 1978, ponendo le basi per la sua celebre e diversificata carriera nel mondo dello spettacolo.

A 64 anni, Maribel Guardia sembra giovane come a 19 anni, lasciando i suoi fan a chiedersi quali siano i suoi segreti di bellezza.

La sua arma segreta per mantenere una carnagione radiosa è un massaggio quotidiano al viso ghiacciato.

Maribel sottolinea l’importanza dell’amor proprio, affermando che la vera bellezza inizia con l’accettazione di sé.

Sostiene l’esercizio fisico regolare, un’alimentazione consapevole e l’abbraccio con grazia della sua età, comprendendo che l’eterna giovinezza è un ideale irraggiungibile.

Maribel si è guadagnata l’appellativo soprannome di “bellissima nonna”, dimostrando che l’età è solo un numero per questa straordinaria nonna che continua ad affascinare con il suo fascino e il suo fascino.

Valuta l'articolo
Angolo Informazioni
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Era una reginetta di bellezza molti anni fa e a 64 anni non è invecchiata: è un vero miracolo
Dovresti smettere di dire queste 5 frasi ai tuoi nipoti: ecco perché