La bambina nata con un tumore che pesava il doppio del suo peso corporeo fa una ripresa miracolosa

Saylor Thomson è nata 12 settimane in anticipo con un tumore attaccato al coccige che pesava più del doppio del suo peso corporeo.

In una commovente conversazione con Sarah Abo di Today, la madre di Saylor, Rachel, condivide la drammatica storia della nascita della figlia e l’immensa gratitudine che prova nei

confronti dell’eccezionale team di professionisti medici dell’Ospedale Mater Mother’s che ha lottato per darle una possibilità di vita.

Rachel ricorda il momento devastante durante la sua ecografia delle 20 settimane quando le è stato comunicato che il suo bambino aveva un teratoma sacrococcigeo, un tumore al coccige,

con un angosciante 25-40 per cento di possibilità di mortalità in utero. “È stato semplicemente straziante”, ha confessato emotivamente.

Il mondo di Rachel è stato sconvolto quando, a soli 28 settimane di gestazione, le è stato detto che era già in travaglio.

Le paure aumentarono mentre i professionisti medici la preparavano al peggio.

“Ci hanno detto di prepararci al fatto che Saylor potrebbe non farcela attraverso la notte o potrebbe

non farcela attraverso il parto a causa delle complicazioni legate alla sua prematurità e al teratoma sacrococcigeo”, ha rivelato Rachel.

Nonostante fosse stata messa sotto anestesia generale per il parto, Rachel si è svegliata facendo una domanda che risuonava con l’amore e la preoccupazione di una madre: “È viva?”

In un enorme sforzo per salvarla, un team di 25 specialisti medici ha aiutato a far nascere Saylor,

che pesava solo un chilogrammo, mentre il tumore pesava un travolgente 2,16 chilogrammi, più del doppio del peso alla nascita del bambino.

Nonostante ciò, un altro gruppo di oltre due dozzine di medici ha rimosso il tumore in un’operazione che è durata poco meno di sette ore.

Il professor Saliesh Kumar, uno dei chirurghi coinvolti nella complessa operazione di Saylor, ha ammesso le gravi preoccupazioni che avevano: “Sapevamo che Saylor stava lottando ed eravamo molto preoccupati”.

Tuttavia, l’intervento è stato un successo e nonostante la necessità per Saylor di trascorrere ulteriori 77 giorni in ospedale a causa della sua nascita prematura,

i suoi genitori hanno continuato a sperare. Rachel ha espresso la sua fede risoluta: “Speravamo in un miracolo e che avrebbero potuto fare tutto il possibile.”

Otto mesi dopo la sua nascita, il progresso di Saylor stupisce il suo team di medici dedicati.

“Ha sfidato tutte quelle probabilità, è stata semplicemente fantastica”, ha condiviso un visibilmente stupito professor Kumar.

“Sono solo stupito di quanto sia grande e di quanto sia tranquilla, di quanto meravigliosa sia – è semplicemente fantastica.”

La famiglia continua a esprimere la loro immensa gratitudine per il team che ha salvato la vita di Saylor.

“Sono la ragione per cui Saylor è qui oggi, e dobbiamo loro assolutamente tutto”, ha dichiarato Rachel con gratitudine.

Di fronte alle avversità e alle probabilità, la storia di Saylor è una testimonianza ispiratrice di sopravvivenza, fede e miracoli che spesso si verificano nelle circostanze più sfidanti.

Valuta l'articolo
Angolo Informazioni
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

La bambina nata con un tumore che pesava il doppio del suo peso corporeo fa una ripresa miracolosa
Kaley Cuoco dice che il suo unico trucco di genitorialità funziona per lei e non le importa se la gente “mi odierà per questo”