La mamma di una bambina con la sindrome di Down invia una lettera al medico che ha suggerito l’aborto

Dal momento in cui scoprono di essere in attesa, le madri pregano affinché la loro gravidanza si svolga secondo i piani.

Tutte desiderano che i loro bambini nascano sani, ma a volte le cose non vanno come previsto. Quando Courtney Williams Baker ha appreso di essere incinta, lei e suo marito erano al settimo cielo.

Ha affrontato ogni ecografia e non ha mai saltato un appuntamento. In effetti, attendeva con ansia ogni visita dal medico perché sapeva che avrebbe sentito il battito cardiaco del suo bambino.

Sfortunatamente, una particolare visita ha distrutto il mondo di Courtney, e non perché ha scoperto che il suo bambino sarebbe nato con la sindrome di Down,

qualcosa che ha accolto a braccia aperte, ma a causa della reazione del suo medico che gli ha consigliato di interrompere la gravidanza.

Naturalmente, né Courtney né suo marito hanno mai preso in considerazione qualcosa del genere. La loro risposta alla suggestione del medico è stata un no deciso.

Circa due anni dopo la nascita della bambina Emersyn, Courtney ancora non riusciva a superare

il fatto che il medico pensasse che avrebbe dovuto uccidere il suo bambino solo perché aveva la sindrome di Down, così ha deciso di inviargli una lettera esprimendo i suoi sentimenti.

“Un’amica mi ha raccontato di quando il suo specialista prenatale vedeva la sua bambina durante le ecografie, commentava, ‘È perfetta’”, ha scritto questa mamma.

“Una volta che sua figlia è nata con la sindrome di Down, ha visitato lo stesso medico. Ha guardato la sua bambina e ha detto, ‘Te l’avevo detto. È perfetta’.

La sua storia mi ha lacerato. Sebbene fossi così grata per l’esperienza della mia amica, mi ha riempito di tanto dolore per quello che avrei dovuto avere.”

Ha scritto ulteriormente come avrebbe voluto essere trattata come l’amica.

“Avrei voluto che tu fossi stato quel medico. Sono venuta da te durante il momento più difficile della mia vita, ero terrorizzata, ansiosa e in completa disperazione.

Non conoscevo ancora la verità sulla mia bambina, ed è quello che disperatamente avrei avuto bisogno da te. Ma invece di supporto e incoraggiamento, hai suggerito di interrompere la gravidanza.

Ti ho detto il suo nome, e ci hai chiesto di nuovo se capivamo quanto bassa sarebbe stata la nostra qualità di vita con un bambino con la sindrome di Down.

Hai suggerito di riconsiderare la nostra decisione di continuare la gravidanza. Da quella prima visita, temevamo i nostri appuntamenti”, ha continuato Courtney.

“Il momento più difficile della mia vita è stato reso quasi insopportabile perché non mi hai mai detto la verità. La mia bambina era perfetta.”

“Vedi, Emersyn non solo ha aggiunto alla nostra qualità di vita, ma ha toccato i cuori di migliaia di persone. Ci ha dato uno scopo e una gioia impossibili da esprimere,

e ci ha regalato sorrisi più grandi, più risate e baci più dolci di quanto abbiamo mai conosciuto. Ci ha aperto gli occhi sulla vera bellezza e sull’amore puro”, ha concluso.

Siamo così felici che Courtney non abbia seguito il consiglio del suo medico e abbia fatto la cosa giusta.

Valuta l'articolo
Angolo Informazioni
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

La mamma di una bambina con la sindrome di Down invia una lettera al medico che ha suggerito l’aborto
Una bambina di 4 anni stringe un legame con un vedovo di 82 anni dopo averlo notato da solo in un negozio di alimentari