Le persone hanno trovato “mummie aliene” all’aeroporto del Peru, ma gli scienziati hanno appena rivelato qualcosa di inquietante

La scoperta di “mummie aliene” presso un aeroporto del Peru ha attirato l’attenzione globale.

In precedenza, il giornalista e appassionato di UFO Jaime Maussan ha esposto i reperti durante un evento congressuale sugli UFO.

Maussan ha audacemente affermato che i corpi, presumibilmente scoperti vicino alle enigmatiche linee di Nazca nell’antico Peru, non assomigliavano a forme di vita terrestri.

Tuttavia, mentre gli scienziati approfondiscono l’enigma che circonda questi misteriosi manufatti, hanno svelato qualcosa di ancora più inquietante.

Nel 2017, sono stati trovati 2 esseri non identificati in Peru.

I resti misteriosi presentati in un’udienza ufficiale in Messico sono stati in realtà scoperti anni fa.

Nel 2017, mummie ben conservate sono state trovate sepolte nelle profondità del deserto costiero sabbioso del Peru, vicino alle enigmatiche linee di Nazca.

Il luogo è noto per le sue misteriose figure giganti realizzate nella terra, di solito attribuite alle comunità indigene. Tuttavia, alcune persone pensano che possano essere opera di esseri extraterrestri.

Anni dopo, il Messico ha tenuto la sua prima udienza sul presunto “corpi alieni”.

Recentemente, 6 anni dopo la scoperta insolita in Peru, i legislatori messicani sono stati presentati con prove straordinarie durante un’udienza congressuale sugli alieni.

La testimonianza suggeriva l’esistenza di vita extraterrestre, e gli sono stati mostrati due manufatti dal giornalista messicano e appassionato di UFO Jaime Maussan, che sosteneva fossero resti di esseri non umani.

Questo evento storico è avvenuto il 12 settembre, segnando il primo coinvolgimento ufficiale del Messico nel tema degli alieni.

Secondo Maussan, questi esemplari non mostravano connessioni terrestri. Custoditi per l’esposizione c’erano due “corpi” minuscoli caratterizzati da tre dita per mano e teste allungate.

Ha affermato che risalivano a circa 1.000 anni fa, con la loro età determinata attraverso un’analisi di datazione al carbonio condotta dall’Università Nazionale Autonoma del Messico.

Gli scienziati svelano la verità dietro gli artefatti misteriosi del Peru.

In una svolta intrigante, una coppia di “mummie aliene” scoperte presso l’aeroporto principale del Peru lo scorso ottobre è stata attribuita a origini totalmente terrestri, come rivelato da un recente studio scientifico.

Descritte dagli esperti come figure umanoidi simili a bambole durante una conferenza stampa a Lima, i reperti sono stati scoperti essere composti da una combinazione di parti umane e animali.

Inoltre, una distintiva mano con tre dita presumibilmente proveniente dalla regione di Nazca in Peru è stata analizzata, con gli esperti che respingono qualsiasi associazione con la vita extraterrestre.

“Non sono extraterrestri. Sono bambole fatte con ossa animali di questo pianeta unite insieme con colla sintetica moderna”,

ha dichiarato Flavio Estrada, archeologo dell’Istituto di Medicina Legale e Scienze Forensi del Peru.

Ha aggiunto: “È totalmente una storia inventata”.

 

Valuta l'articolo
Angolo Informazioni
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Le persone hanno trovato “mummie aliene” all’aeroporto del Peru, ma gli scienziati hanno appena rivelato qualcosa di inquietante
Un uomo senza casa ha un commovente incontro con il suo cane smarrito