Un uomo malato terminale ha avvertito gli altri di non commettere lo stesso errore che aveva fatto lui

Ci sono momenti in cui, nonostante ci sentiamo poco bene, rifiutiamo di visitare un medico sperando che il dolore scompaia da solo.

La triste realtà è che se non cerchiamo aiuto medico quando avvertiamo per la prima volta i sintomi di una malattia, potrebbe essere troppo tardi quando lo facciamo.

Un uomo di 31 anni di Middlesborough, Regno Unito, che stava lottando contro un cancro terminale ha sostenuto l’importanza di controlli regolari e di visitare un medico in tempo.

Liam Griffiths credeva che avrebbe potuto sconfiggere il cancro se si fosse rivolto a un professionista della salute più presto.

Nonostante i suoi sforzi per sconfiggere la malattia, a Liam è stata comunicata la notizia devastante che era fatale.

Nel dettaglio, stava soffrendo di cancro peritoneale, una forma di cancro che colpisce la membrana che riveste l’addome.

In un’intervista, Liam ha rivelato di aver iniziato ad avvertire gonfiore allo stomaco, stitichezza cronica, crampi e vomito nel marzo del 2023.

Anche se i suoi sintomi sembravano gravi, non ha visitato un medico perché era lavoratore autonomo e non voleva perdere il salario.

Sperava che i sintomi sarebbero scomparsi, ma sono peggiorati e sono diventati ancora più gravi, costringendolo a cercare aiuto medico.

Una volta in ospedale, gli è stata diagnosticata la malattia di Crohn, ma un mese dopo ha ricevuto una chiamata dal medico ed è venuto informato che in realtà era stato diagnosticato erroneamente e che aveva il cancro.

Ha iniziato i trattamenti subito, ma purtroppo il suo cancro era resistente alla chemioterapia.

Nonostante la gravità della sua situazione, questo giovane ha trovato il tempo e la forza di inviare un messaggio

a ogni persona là fuori, e quel messaggio è di non rimandare la visita dal medico nel caso si senta qualcosa di sbagliato nel proprio corpo.

“Voglio diffondere questo messaggio perché se solo una o due persone vanno in ospedale e si fanno controllare a causa del mio errore e della mia storia, sarebbe incredibile”, ha detto.

“Hanno trovato il mio cancro allo stadio avanzato tre, ma se avessi solo visto i medici prima, forse avrebbero potuto scoprirlo.

Ero lavoratore autonomo e avevo bisogno di soldi, quindi ho continuato a farlo. Ho fatto ciò che pensavo un uomo dovesse fare – stavo affrontando la situazione.”

Non perdendo la speranza nonostante la prognosi cupa, l’amica di Liam, Eve Bannatyne, ha avviato una raccolta fondi

che ha contribuito a raccogliere oltre 18.000 sterline in donazioni per il trattamento privato di Liam, poiché la chemioterapia del Servizio Sanitario Nazionale non funzionava più.

Purtroppo, Liam è deceduto l’1 febbraio del 2024.

Il servizio commemorativo per lui è stato guidato da Rev John Hearn.

Il padre di Liam ha parlato di suo figlio e ha detto: “Liam era un ragazzo bellissimo, divertente, premuroso, un grande sentimentale.

Da bambino era molto affettuoso con sua mamma e suo papà. C’era sempre un abbraccio. Aveva anche il suo lato birichino.”

La storia di vita di Liam serve come promemoria che dovremmo sempre dare priorità alla nostra salute, anche se ciò significa perdere stipendi o riorganizzare determinati impegni e doveri.

Siamo davvero dispiaciuti per la scomparsa di questo coraggioso uomo. Possa riposare in pace.

Valuta l'articolo
Angolo Informazioni
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Un uomo malato terminale ha avvertito gli altri di non commettere lo stesso errore che aveva fatto lui
Ho adottato il bambino della ex moglie di mio marito così che non crescesse nell’affido come è successo a me