Il marito parla della depressione postpartum dopo che la moglie si suicida: da piangere

Nel 2018, Ariana Sutton, all’epoca di 36 anni, ha dato alla luce una bambina in salute.

La famiglia era felicissima, poiché questa era la prima figlia che la coppia accoglieva nelle loro vite.

Tuttavia, mentre tutti credevano che la loro casa e le loro vite sarebbero state riempite solo di gioia,

Ariana ha affrontato qualcosa che molte nuove mamme sperimentano: la depressione post-partum.

Questa condizione è molto più comune di quanto si pensi e colpisce una donna su dieci che dà alla luce.

Il marito di Ariana, Tyler Sutton, che lavora come agente di polizia nel Massachusetts, ha detto che sua moglie non aveva mai

avuto problemi mentali prima di partorire, ma quando Melody è nata, era evidente che Ariana stava attraversando un momento difficile.

“Non ne eravamo molto familiari, quindi eravamo molto nel buio, entrambi.” ha spiegato Tyler.

“Sono tornato a casa una mattina e non sono riuscito proprio a riconoscere la persona seduta di fronte a me. Così, abbiamo lasciato mia figlia dalla nonna e l’abbiamo portata in ospedale.”

Ariana è stata ricoverata due volte, ma è tornata alla sua vecchia sé stessa con un po’ di farmaci e trattamenti.

Una madre felice e un’insegnante di danza, ricordata da chi la conosceva come “calda” e “allegra”. Un paio di anni dopo, Ariana è rimasta incinta di nuovo, questa volta di gemelli.

I bambini sono nati il 23 maggio del 2023, e questa volta la famiglia era già consapevole che Ariana avrebbe potuto di nuovo sperimentare la depressione post-partum, quindi erano pronti a fornire il massimo aiuto possibile.

“Quello che le è accaduto nel giro di poche settimane questa volta è avvenuto in un paio di giorni”, ha detto.

“E anche se avevamo un piano in atto, non c’era modo per noi di prevedere che questo sarebbe accaduto così rapidamente e improvvisamente.”

Sfortunatamente, i sintomi di questa mamma si sono manifestati prima

e più intensamente di quanto fosse successo in precedenza e poco dopo aver dato alla luce i gemelli Everly Irene e Rowan Stephen, Ariana si è suicidata.

“Serve una persona molto forte per chiedere aiuto”, ha spiegato un Tyler devastato. “Se potessimo solo rendere normale chiedere aiuto,

invece che le donne si sentano in colpa per non riuscire a farlo da sole, perché questa è una cosa reale. È molto, molto reale, molto potente, molto pericolosa, e non dovrebbe essere affrontata da sole.”

La famiglia ha avviato una campagna GoFundMe per aiutare Tyler a sensibilizzare sulle depressioni post-partum.

“Per favore, condividete questa campagna con la vostra rete per aumentare la consapevolezza sulla depressione post-partum e sull’importanza delle cure per la salute mentale durante e dopo la gravidanza.

Fosteggiando una comunità di supporto, possiamo cercare di evitare che altre famiglie vivano tragedie simili”, si leggeva nella pagina.

Tyler ha anche detto di voler vedere un cambiamento nel modo in cui gli operatori sanitari parlano ai futuri genitori della depressione post-partum.

“Se ci fosse qualcosa che potessi iniziare proprio adesso,

sarebbe chiedere alla comunità medica di apportare una piccola modifica alla loro routine e aggiungere una riga in più al loro elenco di cose da fare quando si incontrano con le persone”, ha spiegato.

Siamo addolorati da questa tragica perdita di una giovane madre di tre figli…

Valuta l'articolo
Angolo Informazioni
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Il marito parla della depressione postpartum dopo che la moglie si suicida: da piangere
I genitori forniscono al loro figlio di 6 anni un intervento chirurgico dopo che diventa vittima di bullismo a causa delle sue grandi orecchie