La donna nata senza braccia impara a prendersi cura del suo bambino usando i suoi piedi, dimostrando che nulla è impossibile

Dejana Backo è un’eccezionale artista e atleta la cui vita è una storia di superamento delle sfide e rinforzo interiore.

Con un potente messaggio di auto-scoperta ed empowerment, Dejana cerca di illuminare le lotte affrontate dalle persone con disabilità, ispirando innumerevoli altri.

Tuttavia, un nuovo capitolo è iniziato nella sua vita poiché Dejana ha recentemente abbracciato la maternità, portandola a prendersi una pausa dalla sua passione per prendersi cura della sua piccola.

Nata il 9 dicembre del 1994 a Novi Sad, in Serbia, Dejana Backo ha sfidato le probabilità fin dall’inizio.

Essere nata senza arti superiori non l’ha fermata. Anzi, ha alimentato il suo viaggio verso altezze straordinarie come artista e atleta.

Mentre cresceva, Dejana si chiedeva perché fosse diversa, ma col tempo si è resa conto che la sua disabilità non avrebbe limitato la sua capacità di condurre una vita appagante.

Oltre ai suoi successi, lei e suo marito, Marko, godono di una vita avventurosa esplorando nuovi luoghi e condividendo le loro avventure sui social media.

Il suo talento artistico è emerso presto quando si è unita alla Società dei Pittori con la Bocca e con il Piede all’età di 9 anni.

Dopo essersi laureata alla Scuola d’Arte e Design nel 2014, ha proseguito i suoi studi presso l’Accademia di Belle Arti di Novi Sad.

Negli anni, ha portato la sua arte in quasi 20 città dei Balcani in mostre personali. Conosciuta come la ”ragazza con le ali”, Dejana è un’icona di emancipazione in Serbia.

Nonostante sia nata senza braccia, ha raggiunto altezze senza precedenti,

ottenendo lo status di campionessa del mondo nel para taekwondo al Campionato Mondiale di Para Taekwondo del 2019 in Turchia – un risultato rivoluzionario per il suo paese.

Il suo altro obiettivo era gareggiare ai Giochi Paralimpici, ma quando ha scoperto che la sua categoria non era inclusa nel taekwondo, ha iniziato ad interessarsi al tiro con l’arco paralimpico.

Nel febbraio del 2023, Dejana ha celebrato un altro importante traguardo dando alla luce la sua prima figlia.

Per prepararsi a questo nuovo ruolo, ha scelto di prendersi una pausa dallo sport competitivo, il che significa che perderà la possibilità di competere ai Giochi Paralimpici di Parigi 2024.

Eppure, nonostante la pausa dall’arena, continua a condividere i suoi messaggi sui social media.

Ora che Dejana è diventata una nuova mamma, condivide anche il suo percorso di maternità, svelando tutte le sfide e le vittorie.

Dejana ha detto: “Non è stato facile all’inizio. Volevo tanto prendere la nostra bambina da sola, ma non potevo farlo.”

Ha dovuto improvvisare modi per fare i suoi compiti da genitore e sta imparando “tutto ciò che deve imparare” per prendersi cura della sua figlia.

Nei suoi video, fa molte cose usando i suoi piedi, come nutrire sua figlia, tirarla fuori dalla culla e persino cambiarle il pannolino.

“Quando le do da mangiare ora, ho solo bisogno dell’aiuto di mio marito per metterla su un cuscino e tra le mie gambe. Posso fare molte cose da sola, ma ci mettono comunque più tempo “, ha aggiunto.

La gente l’ha lodata per aver coraggiosamente condiviso alti e bassi.

Sopraffatta dai messaggi gentili, Dejana ha modestamente insistito sul fatto che sta solo documentando la vita quotidiana della sua famiglia facendo le cose a modo loro.

Tuttavia, la madre è sicura di poter superare qualsiasi ostacolo si frapponga sul suo cammino.

Dejana Backo dimostra di poter dare il meglio per prendersi cura della sua figlia nonostante le sfide.

Valuta l'articolo
Angolo Informazioni
Aggiungi un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

La donna nata senza braccia impara a prendersi cura del suo bambino usando i suoi piedi, dimostrando che nulla è impossibile
Il modo in cui la donna storpia ha creato una bella famiglia nonostante le sue condizioni dimostra che l’amore vince sempre